Dont worry be happy - Bobby McFerrin - 80sneverend -

Felice e spensierato

Bobby McFerrin – Don’t worry be happy

Anche nel 1988 l’autunno incalzava rapido verso la fine di settembre, con le giornate che si accorciavano e le temperature che si abbassavano. Ma in quei giorni uscì in gran parte del mondo una canzone, o forse una melodia, semplicissima, ma irresistibile. Bobby Mc Ferrin, un musicista a tutto tondo nato e cresciuto nella musica, famosissimo nel mondo jazz e abituato a fare interi concerti improvvisando, si innamorò di quella che chiamava “una filosofia in quattro parole”. Queste quattro parole erano un mantra di un mistico e saggio indiano, Meher Baba. Nei bar e nei local spesso si trovavano dei quadretti o dei poster con il santone e con la sua celebre frase. Erano un po’ l’equivalente delle meme di oggi, se vogliamo. E questi poster dicevano “Don’t worry, be happy”.

E così, in studio di registrazione, Mc Ferrin improvvisò una melodia e un testo. Inventò un esperimento, quello di registrare due volte la propria voce e sovrapporle. E venne fuori un successo mondiale, ma soprattutto un successo che rimane sempre attuale anche dopo trent’anni, come la semplice melodia del ritornello.

Una volta sola McFerrin non fu happy: quando seppe che un partito politico americano aveva usato la sua canzone come inno della propria campagna elettorale. Ovviamente, McFerrin sosteneva il partito opposto 🙂

#quotefromthe80s
In every life we have some trouble
But when you worry you make it double
Don't worry, be happy
#BobbyMcFerrin #DontWorryBeHappy

Bobby McFerrin su Wikipedia

Facebook comments

Visits: 916

Tag ,

Le playlist di 80sneverend !

Articoli recenti

Top