Papa don't preach - Madonna - 80sneverend - The Queen of provocation

La regina delle provocazioni

Madonna – Papa Don’t Preach 

#quotefromthe80s
But my friends keep telling me to give it up
Saying I'm too young, I ought to live it up
What I need right now is some good advice, please
Papa don't preach, I'm in trouble deep
#Madonna #PapaDontPreach

Sicuramente è stata la regina degli anni 80, in assoluto. E sicuramente Madonna è stata ed è tuttora la regina delle provocazioni in musica. L’11 giugno del 1986 l’uscita del suo nuovo singolo tracciò una linea di demarcazione molto importante nella carriera di Madonna, e se vogliamo in tutta la musica degli anni 80.

Infatti, dopo gli album di gioventù, dopo i periodi dance di “Holiday”, “Burning up“, e dopo il periodo glamour di “Like a virgin” e “Material girl”, Madonna aveva introdotto il nuovo album, “True Blue”, con una ballata molto romantica ma profondamente introspettiva, “Live to tell“. Tre mesi dopo tornava sulle scene con un singolo bellissimo, ma destinato a far discutere il mondo. “Papa don’t preach” affronta infatti il tema dell’aborto, attraverso la storia di una ragazza cresciuta con il padre, che scopre di essere incinta del suo fidanzato. E nonostante i consigli delle amiche e i rimproveri del padre, riesce ad avere la lucidità e la maturità di prendere una decisione e assumersene le responsabilità: terrà il bambino. E riesce a elaborare il proprio disagio: ho bisogno di buoni consigli, non di prediche.

La canzone suscitò gli entusiasmi degli anti abortisti e ovviamente le proteste degli abortisti e anche di tanti altri gruppi. A dire il vero Madonna, benché ancora molto giovane, fu molto brava a tenere una posizione quasi neutrale, dichiarando di essere assolutamente consapevole del fatto che la canzone avrebbe in un modo o nell’altro scontentato tutti, e che comunque la canzone non rifletteva una sua convinzione politica o sociale, e voleva solo raccontare il dramma e le ansie di una ragazza innamorata che si scopre incinta troppo presto. In realtà, Madonna prendeva a schiaffi una America ancora troppo divisa e probabilmente immatura e troppo conservatrice su temi così delicati.

Però, come dicevamo, le polemiche montarono, e anche Papa Wojtyla arrivò a incitare i fans a boicottare le tappe italiane del “Who’s that girl tour”. Madonna, per tutta risposta, gli dedicò la canzone.

Il video è una assoluta opera d’arte. Intanto ci presenta una Madonna nuova, anzi due, con i look opposti della Madonna che canta e della ragazza protagonista della storia. Ma quest’ultima è di una novità dirompente: capelli corti molto più chiari, fisico tonico, look alla Audrey Hepburn o forse alla prima Shirly MacLaine. Maglietta “Italians do it better” e le torri gemelle sullo sfondo. Insomma: irresistibile. Il padre è interpretato da un Danny Aiello ancora non famoso, ed è evidente la sua ansia di perdere la ragazzina che gli dà anche un sostegno in casa, nel momento in cui lei sceglie di iniziare questa nuova vita e una nuova famiglia.

Gli ultimi fotogrammi sono commoventi: il padre alla fine accetta la decisione della ragazza e la abbraccia, cosa che non si capisce dal testo della canzone, ma si vede solo nel video.

“Papa don’t preach” è sicuramente rimasta nei ricordi dei dinosauri degli anni 80 come una delle canzoni più famose e più amate di Madonna. Una canzone bellissima che ha davvero segnato un nuovo passo nella carriera di Madonna.

Madonna su Wikipedia

Facebook comments

Hits: 642

Tag ,

Le playlist di 80sneverend !

Articoli recenti

Post per mese

  • «2020 (81)
  • »2019 (69)
  • »2018 (99)
  • »2017 (110)
  • »2016 (108)
  • »2015 (104)
  • »2014 (83)
  • »2013 (2)
  • »2012 (2)
  • »2011 (2)
  • »2010 (11)
Top